Come trovare il giusto trattamento per le cicatrici da acne

L’idea stessa di trattare i problemi della pelle con il laser spaventa un pò. Ma poiché le opzioni per il trattamento delle cicatrici da acne continuano ad evolversi ed espandersi, i laser rimangono alle prime posizioni per una buona ragione.

Come trovare il giusto trattamento per le cicatrici da acne 

Analizziamo tutte le possibilità.

L’idea stessa di trattare i problemi della pelle con il laser spaventa un po’. Ma poiché le opzioni per il trattamento delle cicatrici da acne continuano ad evolversi ed espandersi, i laser rimangono alle prime posizioni per una buona ragione.

Tuttavia, i laser sono tutt’altro che l’unica opzione di trattamento per le cicatrici da acne. Quindi, ecco cosa devi sapere sui trattamenti laser e non laser e su come scegliere il migliore per la tua pelle.

trattamento delle cicatrici da acne

Tipologia di cicatrici

Le cicatrici da acne possono essere di varie di forme e dimensioni e alcune persone hanno maggiori probabilità di sviluppare alcuni tipi rispetto ad altri. Le cicatrici possono svilupparsi sopra la superficie della pelle o lasciare dei buchi, possono essere molto diffuse o minime, profonde o superficiali influendo in questo modo sulla bellezza del viso.

L’American Academy of Dermatology (AAD) spiega che le cicatrici sporgenti, inclusi i cheloidi, hanno maggiori probabilità di apparire sulla schiena o sul torace. Ma le persone con la pelle scura hanno spesso cicatrici sporgenti anche sul viso. Le cicatrici depressive, essendo più piccole, così come le cicatrici più profonde e più strette, di solito appaiono solo sul viso.

Il tipo e la gravità delle cicatrici di solito determineranno quale trattamento sarà più efficace per te. Ad esempio, i trattamenti destinati a stimolare il collagene, come il micronidling, non saranno di particolare beneficio per coloro che hanno cicatrici sporgenti a causa dell’eccesso di collagene.

Le procedure destinate a riempire l’area lasciata dalle cicatrici depresse, infatti, non aiuteranno con le cicatrici sporgenti. Pertanto, quando consultate un dermatologo sulle possibili opzioni di trattamento, il tipo di cicatrici che hai è una delle prime aree che vorranno esaminare.

Prima di rinunciare al trattamento laser, bisogna capire come funziona

Come del resto praticamente tutte le altre opzioni di trattamento, i laser non possono rimuovere completamente le cicatrici da acne. Possono soltanto aiutare a ridurre l’evidenza delle cicatrici e migliorare la consistenza della pelle. Tuttavia, i laser offrono un modo semplice ed efficace per rendere meno evidenti varie cicatrici da acne, incluse quelle sollevate e depresse. E ci sono effettivamente diversi tipi di procedure laser, alcune delle quali funzionano in modo più dolce di altre.

Laser, tipologie di procedure

Per cominciare, i laser possono essere ablativi o non ablativi. Quelli ablativi creano ferite che in realtà distruggono il tessuto cicatriziale e comprimono il collagene nella pelle, mentre i non ablativi promuovono la produzione di nuovo collagene riscaldando la pelle anziché creare una vera ferita.

Attualmente si considera che i laser ablativi, di norma, sono più efficaci per il trattamento di tutti i tipi di cicatrici, in quanto è una forma aggressiva di trattamento, ma sono anche senza dubbio più difficili e più rischiosi da usare nei pazienti con la pelle scura perché le ferite che lasciano creano anche una maggiore probabilità di iperpigmentazione durante il processo di guarigione. A loro volta, i metodi non ablativi, che possono ancora essere incredibilmente efficaci, sono diventati più popolari.

I laser possono anche differire nel modo in cui trattano effettivamente le cicatrici da acne. Ad esempio, funzionano in modo frazionario o non frazionario. I laser non frazionati usano una specie di “terra bruciata” e colpiscono l’intera superficie della pelle. A causa di questo approccio più aggressivo, sono generalmente considerati più efficaci dei laser frazionati.

Ma perdono popolarità man mano che vengono sviluppati metodi di trattamento più dolci, più sicuri e allo stesso tempo efficaci, inclusi vari tipi di trattamento frazionario. Questi trattamenti frazionari trattano la pelle nella rete mirata, creando piccole “microcolonne traumatiche”, lasciando intatte alcune aree della pelle, afferma Neelam Vashi, M.D., assistente professore di dermatologia alla Boston University School of Medicine e direttore della Faculty of Cosmetics and Laser Center della Boston University. Ciò innesca una reazione di guarigione nella pelle che genera nuovo collagene e rigenera la pelle.

I trattamenti frazionari (comunemente noti con il marchio Fraxel) possono essere ablativi o non ablativi e anche se le opzioni non ablative saranno meno invasive e accelereranno il recupero, nessuno di questi è privo di rischi.

Il trattamento laser è di solito accompagnato da alcuni effetti collaterali, tra cui ipersensibilità, gonfiore, arrossamento, escrezione e formazione di croste, soprattutto nei primi giorni dopo il trattamento, afferma Hillary D. Johnson, MD, FAAD, partner clinico, professore di dermatologia all’Iowa State University.

Questi effetti collaterali sono standard per tutti i tipi di laser, ma possono essere più gravi poiché la pelle guarisce dopo trattamenti più aggressivi.

Secondo lei, dopo sette-dieci giorni, il gonfiore dovrebbe diminuire e ti sembrerà di avere una brutta scottatura solare. Pertanto, è necessario prestare particolare attenzione alla protezione dal sole e ridurre al minimo le normali routine di cura della pelle (ovviamente, senza trattamenti di esfoliazione) mentre la pelle guarisce, il che può richiedere fino a due mesi.

Oltre ai tempi di inattività, i trattamenti laser sono notoriamente costosi, a seconda del tipo di laser, e generalmente non sono coperti da assicurazione. Inoltre, il trattamento laser delle cicatrici da acne può richiedere diverse sedute e il tempo necessario per completare il trattamento varierà da paziente a paziente, afferma il Dr. Washi. Fortunatamente, aggiunge che “ogni trattamento laser renderà le cicatrici migliori”.

Quindi puoi iniziare a notare cambiamenti positivi nella tua pelle dopo un mese, dice il Dr. Johnson, ma potresti anche dover aspettare fino a sei mesi per vedere i risultati finali.

A volte i dermatologi propongono il laser in aggiunta ad altri metodi 

Quando stai prendendo in considerazione un piano di trattamento, è sempre importante chiedere al dermatologo tutte le opzioni disponibili. E anche se scegli i trattamenti laser, è molto probabile che il tuo medico aggiungerà altri trattamenti diversi dai trattamenti laser.

In effetti, è abbastanza raro che un piano di trattamento per le cicatrici da acne sia costituito da un solo metodo: è più probabile che includa una combinazione di trattamenti, ciascuno mirato a trattare un diverso tipo di cicatrici da acne, afferma il dottor Johnson. E il dottor Vasi ribadisce l’importanza dell’approccio multimodale: “Ci sono pochissimi pazienti per i quali faccio solo una cosa”.

Anche se suona complicato (o, che non è molto bene per noi), il dottor Johnson afferma che produce i risultati migliori e più visibili, che è l’obiettivo numero uno del vostro dermatologo. Quindi non sorprenderti se il tuo medico alla fine ti consiglia di includere alcuni trattamenti laser come parte di un piano più ampio.

Altri metodi di trattamento 

Peeling chimico

Tutti i peeling chimici funzionano secondo lo stesso principio di base: applicare una sostanza chimica concentrata sulla pelle, che essenzialmente distrugge i successivi strati cutanei al fine di eliminare i danni e avviare il processo di recupero del corpo.

Secondo il dottor Vasi, i peeling chimici possono essere un modo efficace per combattere l’acne e, se sicuri, possono anche apportare lievi modifiche a cicatrici molto piccole. Un peeling da profondità leggera a media, contenente alfa o beta idrossiacido (come acido glicolico o acido salicilico), esfolia la pelle e riduce l’iperpigmentazione. Ciò può rendere più uniforme la struttura complessiva del pigmento e della pelle.

Ma il Dr. Johnson ribadisce che questi tipi di peeling non possono essere abbastanza profondi da influenzare le cicatrici profonde. La clinica Mayo afferma che esistono cosiddetti peeling chimici “profondi” che possono essere utilizzati per rughe, cicatrici o escrescenze più intense, ma né il dottor Vasi né il dottor Johnson propongono questi trattamenti nella loro pratica a causa dei potenziali rischi come infezioni e cicatrici.

È stato riscontrato che un tipo di procedura chimica che prevede l’uso di acido tricloroacetico (TCA) è particolarmente efficace nel trattamento di cicatrici più profonde e più strette note come “cicatrici ossee”. Queste tendono ad essere così profondi che i laser e gli aghi non possono penetrare abbastanza in profondità da raggiungere la loro base, quindi una piccola dose di TCA viene iniettata nella cicatrice per aiutare a chiuderla ma questo tipo di trattamento di solito richiede diverse sedute, della durata massima di sei mesi, per vedere miglioramenti, afferma il Dr. Johnson.

Vale la pena notare che mentre la maggior parte dei peeling chimici sono abbastanza superficiali da non aumentare il rischio di iperpigmentazione per gli individui dalla pelle più scura, i trattamenti TCA possono essere un’eccezione adatti per il trattamento di acne e le cicatrici più piccole. Per penetrare più a fondo nella pelle, prestate attenzione ai trattamenti TCA, che sono particolarmente utili per le cicatrici profonde.

Dermoabrasione e microdermoabrasione

In modo analogo ai tradizionali trattamenti laser ablativi, la dermoabrasione agisce rimuovendo gli strati di pelle per ridurre la profondità e l’evidenza di qualsiasi cicatrice. E come i laser non frazionari, non richiede un approccio mirato.

Sebbene la dermoabrasione sia stata un trattamento popolare per le cicatrici, i suoi rischi e gli effetti collaterali a lungo termine (come arrossamenti prolungati e gonfiore) hanno iniziato a oscurare l’attrattiva che una volta aveva. “Fate la dermoabrasione solo se eseguita da uno specialista esperto”, afferma il dottor Johnson. “Le cose possono andare davvero male, perché è facile esagerare.”

La microdermoabrasione, d’altra parte, è più simile a un peeling chimico in quanto aiuta a esfoliare e pulire i pori, ma probabilmente non farà molto in termini di riduzione significativa delle cicatrici. In parole povere, man mano che le tecniche del laser e dell’ago diventano più sofisticate e precise, l’utilizzo di dermoabrasione e microdermoabrasione continuano a diminuire.

Adatto a cicatrici depressive poco profonde e molto diffuse. Le cicatrici più profonde possono richiedere un intervento chirurgico.

Microneedling

All’inizio possono apparire diversi, ma il microneedling in realtà segue lo stesso concetto dei trattamenti laser: usando aghi anziché calore o luce pulsata, la tecnica crea ferite microscopiche sulla pelle che alla fine stimolano la crescita di nuovo collagene.

Uno studio pubblicato nel 2016 sul Journal of Dermatologic Surgery ha rilevato che in 46 pazienti con cicatrici pronunciate da acne, tre sessioni mensili di microneedling potrebbero essere efficaci quanto i trattamenti laser frazionari non ablativi, con tempi di inattività più brevi e minori effetti collaterali.

In effetti, il dottor Vasi ha pubblicato una recensione all’inizio di quest’anno sul Journal of Dermatologic Surgery, rilevando l’efficacia dei trattamenti con meno arrossamento e gonfiore rispetto ai trattamenti laser.

Tuttavia, i risultati possono dipendere dal paziente, poiché i dispositivi vengono utilizzati anche a casa, afferma il dottor Johnson, quindi è importante incontrare qualcuno che abbia molta familiarità con questa nuova procedura.

Adatto per cicatrici molto diffuse, ma utile solo per cicatrici depressive, non cicatrici sollevate. 

Fillers

I filler contenenti acido ialuronico o collagene possono sicuramente funzionare in combinazione con altri trattamenti per ridurre al minimo la comparsa di cicatrici da acne. Ma offrono solo una “maschera” temporanea per curare la cicatrice, afferma il dottor Johnson. Anche se questo metodo funziona, saranno necessari trattamenti ripetuti, rendendola una soluzione potenzialmente costosa.

Tuttavia, alcuni tipi di filler danno risultati più duraturi di altri e alcuni sostengono addirittura di essere definitivi. Di solito contengono una sorta di plastica o silicone, che il dottor Johnson descrive come un metodo con un rischio molto più elevato rispetto agli analoghi temporanee.

I filler sono i migliori per mascherare temporaneamente alcune cicatrici depresse ma poco profonde. Uno o due trattamenti sono in genere sufficienti per vedere i risultati, ma bisogna tenere presente che i filler non sono permanenti e si dovrà ripetere il processo sei mesi o due anni dopo l’ultimo trattamento. 

Iniezioni

Il dottor Vasi afferma che di solito cura le cicatrici sollevate (che, a seconda della loro età, possono essere molto difficili da affrontare) con iniezioni multiple di steroidi che vengono iniettate direttamente nella cicatrice o nella lesione per ridurne l’altezza.

Sebbene alcuni studi abbiano dimostrato l’efficacia di questo trattamento, una cicatrice può sparire mesi o addirittura anni dopo la procedura. E c’è il rischio di atrofia nei tessuti circostanti associati a iniezioni di steroidi. Quindi, non possiamo dirlo con certezza, assicurati di consultare un medico presso una struttura di cui ti fidi.

In alcuni casi, un dermatologo può invece utilizzare iniezioni di 5-fluorouracile (5-FU), un farmaco chemioterapico, racconta Mary L. Stevenson, assistente professore di dermatologia presso il Dipartimento di Dermatologia di Ronald O. Perelman della NYU Langone Health. Secondo lei, iniezioni di steroidi possono anche essere utilizzate in combinazione con iniezioni di 5-FU, se necessario.

Adatto per cicatrici sollevate da acne. Il costo e il numero di procedure richieste varia ampiamente a seconda della cicatrice.

Intervento chirurgico

Le opzioni chirurgiche possono sembrare un pò poco logiche, poiché la chirurgia stessa lascia cicatrici. Secondo l’AAD, queste cicatrici svaniranno gradualmente dopo l’intervento chirurgico. L’AAD rileva inoltre che la chirurgia può includere l’escissione della cicatrice in modo che lasci meno cavità nella pelle o una procedura chiamata incisione, in cui il tessuto cicatriziale che tira la pelle viene distrutto.

Secondo il dottor Vasi, la chirurgia funziona particolarmente bene come precursore dei trattamenti laser, in quanto libera la pelle e consente al laser di lavorare in modo più efficace in quella zona. Come per qualsiasi intervento chirurgico, esiste sempre il rischio di sanguinamento o infezione, afferma il dottor Johnson, quindi, di nuovo, assicurati che il tuo medico sia un dermatologo esperto e certificato.

Adatto a chi ha solo poche cicatrici depressive. Alcuni tipi di interventi chirurgici possono anche trattare cicatrici sollevate che non hanno risposto ad altri trattamenti, come le iniezioni.

Fogli di silicone

Il dottor Vasi afferma che con le cicatrici nuove o solo leggermente sollevate, i fogli di gel di silicone che riducono le dimensioni e la rigidità della cicatrice sono risultati efficaci opzioni di trattamento. I gel di silicone sono anche un’opzione interessante in quanto possono essere acquistati al banco in farmacia o online.

Ma fanno uno sforzo significativo per ottenere risultati: dovrai portare il foglio (praticamente tutto il giorno) nello stesso posto ogni giorno per qualche tempo, forse mesi, dice AAD. Ciò può causare effetti collaterali, inclusa un’eruzione cutanea. E, se stai trattando le cicatrici da acne sul viso, potresti non tollerarlo. Anche se lo fai, tieni presente che è improbabile che i fogli di silicone difficilmente elimineranno completamente la cicatrice.

Inoltre, devi sapere che i siliconi moderni sono più efficaci se usati “mentre la cicatrice guarisce e prima che si indurisca”, afferma il dott. Stevenson. Quindi, se hai avuto una cicatrice sollevata per diversi anni e stai pensando di provare a minimizzarla, potresti non ottenere buoni risultati con l’uso locale del silicone.

Adatto per cicatrici nuove o solo leggermente sollevate.

Non esiste un metodo unico “giusto” 

Ma giusto come un promemoria, le cicatrici non sono pericolose per natura o dannose per te. Di solito sono una parte normale del processo di guarigione. E il trattamento per renderli meno visibili è costoso e sicuramente non ideale. Quindi se non ti danno fastidio, lasciali e basta!

Ma se vuoi provare a sbarazzartene, ci sono molte opzioni. E il miglior modo di agire sarebbe quello di parlare con il tuo dermatologo su quali trattamenti sono i migliori per te. 

E invece di vedere i laser come qualcosa da evitare, paragonali a Tony Stark in una raccolta di trattamenti, come i Vendicatori, che il tuo dermatologo prescriverà – intensi, senza dubbio, ma saranno rafforzati dal resto del team. (Sappiamo che non l’hai chiesto, ma la dermoabrasione è ovviamente Hulk.)

I trattamenti laser non devono spaventare se eseguiti da un dermatologo esperto e rappresentano solo una parte del piano di trattamento generale. Ma la cosa più importante è lavorare con un dermatologo di cui ti fidi per trovare un piano adatto a te, con o senza laser. 

Tags : #beautytipsacnetrattamenti di bellezza
AtrendyExperience

The author AtrendyExperience

A Trendy Experience è il blogmag realizzato da Angelica e Sheila, blogger, webeditor, freelance appassionate di lettura e fotografia. La nostra Mission è quella di suggerire tanti consigli e novità di tendenza!

Lascia un commento / Leave a Response