Saturimetro cos’è, come si usa e dove comprarlo online

Con la “Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2” (SARS-CoV-2). solo chi presenta insufficienza respiratoria viene ricoverato in ospedale ai tempi del corona virus e non solo, ma come si misura a casa? Esiste un dispositivo che si chiama saturimetro che riesce a rilevare la capacità respiratoria semplicemente infilandolo su un dito. Questo presidio sanitario può essere usato su adulti e bambini ed il suo funzionamento è davvero semplicissimo e soprattutto indolore e si trova in commercio anche su Amazon. E’ un vero strumento salvavita importante per la nostra salute che tutti dovremmo avere a casa per monitorare la nostra capacità respiratoria. Vediamo subito come funziona e dove comprarlo.

Prenderci cura della nostra salute si che non deve mai mancare a casa è il misuratore di pressione, meglio se manuale e il saturimetro che ci permette di conoscere la nostra capacità respiratoria. Quest’ultimo, oggi, ai tempi del coronavirus si rivela un presidio molto importante proprio perché permette di capire a chi lo indossa se i suoi valori di ossigeno nel sangue che circola nelle arterie periferiche è corretto oppure c’è qualche difficoltà o grave problema.

Come si usa il saturimetro

Il saturimetro, ha due funzioni. La prima è quella di misurare l’ossimetria, l’ossigeno nel sangue e la seconda le pulsazioni, la nostra frequenza cardiaca.

Non bisogna fare nient’altro che aspettare. Per misurare la saturazione bisogna stare in posizione seduta e a riposo. Per usarlo serve avere le unghie pulite da tutti i tipi di smalto. Il dispositivo si inserisce sul dito indice poi si accende con un click sul tasto ON indicato dal simbolo universale e unico tasto presente sul presidio. Dopo pochissimi istanti il saturimetro legge i nostri valori.

saturimetro
ossimetria e frequenza cardiaca rilevati dal saturimetro

Il valore si ottiene dopo pochi secondi dall’accensione quindi il risultato è immediato e ben visibile. Lo schermo si può posizionare sia orizzontalmente sia verticalmente, si può attivare la suoneria o lasciarlo silenzioso in base alle proprie esigenze. In pochi secondi possiamo dunque scoprire se l’ossigeno arriva correttamente in tutto il corpo o se c’è una sofferenza respiratoria.

I valori della saturazione si possono distinguere in tre categorie.

  • Tra 95 e 100 la saturazione va bene, non ci sono difficoltà respiratorie
  • Tra 90 e 95 ci sono delle difficoltà respiratorie
  • Sotto i 90 ci sono dalle medie alle gravi difficoltà respiratorie

in pochi istanti dunque possiamo monitorare la salute del nostro respiro e di conseguenza capire se c’è un problema grave.

Una saturazione pari al 100 potrebbe comunque indicare una iperventilazione per questo prima di misurare la saturazione non è consigliato fare ripetuti respiri ravvicinati.

Uno strumento come questo ci permette di monitorare comodamente da casa chi ha difficoltà respiratorie come polmonite, bronchite croniche, BPCO, asma bronchiale, apnea notturna,

SATURIMETRO E CORONAVIRUS

E’ reso noto da tutte le fonti ufficiali che il saturimetro è utile ai pazienti in osservazione a domicilio per infezione da Sars2-CoV-2019 e ai medici che li monitorano a distanza. Chiaramente questo piccolo strumento è utile anche tutto il resto dell’anno per monitorare la salute delle nostre vie respiratorie anche in altri casi.

Dove comprare il saturimetro

Visto che è andato a ruba nelle farmacie è possibile acquistarlo online anche su Amazon. I prezzi partono dai venti euro ma per avere uno strumento valido è sempre meglio scegliere un prodotto che garantisce qualità.

saturimetro cos'è

Nel nostro caso abbiamo scelto questo della Beurer che è realizzato in Germania che finora ha fatto il suo dovere. Al suo interno sono presenti le batterie e l’impostazione si fa semplicemente, impostando lo schermo premendo il tasto ON. Nella confezione è presente anche il marsupio e cinturino

DESCRIZIONE DEL SATURIMETRO BEURER PO 40

L’ossigeno è fondamentale per mantenere funzionanti le cellule del corpo. Il suo contenuto nel sangue può ridursi a causa di diversi fattori, come disturbi cardiaci o respiratori. Ma non solo; anche le persone molto sportive o che si muovono ad altitudini elevate come alpinisti, sciatori o aviatori devono sempre tenerne sotto controllo i valori a causa della riduzione della saturazione di ossigeno dovuta all’aria nell’ambiente. I segnali di un basso livello di saturazione possono manifestarsi con sintomi come difficoltà respiratoria, aumento della frequenza cardiaca, calo fisico, nervosismo e sudorazione. In ogni momento della giornata con Beurer PO 40 potrete monitorare in maniera non invasiva la saturazione di ossigeno nel sangue, la frequenza cardiaca e l’indice di perfusione, ovvero l’intensità della pulsazione. Il suo utilizzo è molto semplice: basterà applicare il dispositivo al dito, accenderlo, e dopo pochi secondi i valori misurati compariranno sul pratico display a colori, dotato di luminosità regolabile e di 4 comode prospettive di visualizzazione per agevolare la lettura. Le misurazioni si rivelano attendibili: in caso di anomalia (ad esempio a causa di misurazione non tranquilla), il dispositivo vi avviserà con un simbolo apposito. Beurer PO 40 permette anche la visualizzazione grafica del battito cardiaco, segnala la necessità di sostituzione delle batterie, e si spegne automaticamente al termine dell’utilizzo. Inoltre, le sue dimensioni ridotte e la custodia in dotazione vi consentiranno di portarlo sempre con voi e di monitorare i vostri valori comodamente a casa, in viaggio, durante l’attività sportiva o una passeggiata in montagna. È un dispositivo medico.

Tags : consigli per tuttipresidi sanitarisalutesalute e benesseretecnologia
AtrendyExperience

The author AtrendyExperience

A Trendy Experience è il blogmag realizzato da Angelica e Sheila, blogger, webeditor, freelance appassionate di lettura e fotografia. La nostra Mission è quella di suggerire tanti consigli e novità di tendenza!

21 commenti

  1. Sai quante volte ho usato il saturimentro? Tantissime perché mio figlio nato un po’ prematuro non saturava appunto. E’ uno strumento utilissimo da avere anche a casa e soprattutto in questo periodo hai ragione.

  2. Poter controllare il proprio livello di ossigeno a casa credo sia una cosa di cui non poter fare a meno in caso di patologie o in momenti come questi. Questo saturimetro appare quindi perfetto per ognuno di noi.
    Maria Domenica

  3. Un prodotto che tempo fa presi a mia nonna proprio per misurare l’ossigeno nel sangue, non sspevo che ora potesse essere utile per questo virus.

    1. Proprio oggi, mentre stavo seguendo il telegiornale e mi informavo relativamente alle attività preventive del coronavirus, si parlava dell’opportunità di far ricorso al saturimetro per verificare la percentuale di ossigeno nel sangue. Credo quindi che questo strumento sia necessario in questo momento.
      Mayad

  4. Non conoscevo questo dispositivo di rilievo per i valori della respirazione. Mai come in questo difficile periodo si rivela fondamentale per monitorare la propria respirazione 😉

  5. Ne ho sentito parlare in questi giorni e devo dire che è uno strumento molto utile. Io ho problemi di respirazione dovuta ad attacchi di panico, tachicardia, ansia, nervoso e reflusso. Insomma un bel casino, senza considerare che ci sono momenti in cui, già di mio, trattengo il respiro (ad esempio quando mangio). Lo ritengo super utile soprattutto per misurare il livello di ossigeno sia a casa sia nel sangue. Questo è davvero un acquisto sensato. Grazie per averne parlato

  6. Ottimo consiglio. Noi lo abbiamo in casa da anni e lo utilizziamo soprattutto quando mia figlia ha la febbre per tenere sotto controllo l’ossigenazione avendo una patologia al cuore.

  7. Ma sai che non ne sapevo affatto dell’esistenza?!?! Un dispositivo molto utile che dovremmo avere tutti in casa. Grazie di averne parlato, sarà il mio prossimo acquisto. 🙂
    Buona giornata
    Luna

  8. io questo apparecchio lo conosco molto bene perchè lo utilizzava mio papà e anche mia suocera….. non sempre è attendibile in quanto bisogna fare la misurazione con le mani ben pulite, le unghie non devono essere lunghe altrimenti la lettura è sballata…..

Lascia un commento / Leave a Response