close

Come creare un giardino zen in casa

Realizzare un giardino zen in casa

La casa è il nostro piccolo tempio privato e spesso ad un certo punto della vita ci troviamo a realizzare piccoli spazi intimi e rilassanti per il nostro benessere interiore.

Il giardino Zen, l’arte del Karesansui, è un giardino inventato dai monaci buddhisti giapponesi e e sue origini risalgono al XIV secolo. Il suo scopo era quello di creare un luogo ideale che favorisse la meditazione, uno spazio semplice, costruito con elementi di sabbia, pietre, fiori ed altri elementi naturali.

Ognuno di noi dovrebbe dedicare un angolo della nostra abitazione a un giardino giapponese, perché questa è una tecnica di rilassamento dove, il giardino, serve per combattere lo stress e per rilassare lo spirito.

Perché realizzare un angolo di pace in casa.

L’anima ha bisogno di un luogo sereno e calmo per rinvigorirsi e rigenerarsi. Lo stress e la vita frenetica quotidiana ci allontanano sempre di più dalla spiritualità. Creare un giardino zen in casa significa dare vita a un ambiente sereno dove l’uomo di integra con la natura.

E’ importante sapere che ogni giardino zen è diverso dall’altro perché ognuno di noi è diverso. Per questo è importante creare un giardino interpretandolo come vogliamo, scegliendo rocce diverse per forma e colore posizionarle dove desideriamo. Il senso che deve dare il giardino zen fai da te deve essere di stabilità e il punto dove crearlo deve essere sempre ben illuminato.

Per prima cosa è necessario individuare l’area adatta e se non disponete di spazi enormi ci sono anche i giardini zen in casa che si possono creare su balconi e terrazze. Per chi non ha proprio spazio è possibile creare un mini giardino zen su un ripiano, un vassoio o semplicemente riciclando una cornice in legno in cui disponiamo un piano in legno su cui costruire il giardino orientale.

La composizione del giardino zen è minimalista, semplice e ordinata. Dedicare al vostro arredamento un piccolo angolo zen aiuta a creare un ambiente armonico ed equilibrato che ispira il relax.

Gli elementi di un giardino zen

  • Rocce e pietre
  • sabbia e ghiaia
  • Acqua
  • Piante
  • Elementi ornamentali

Le rocce e le pietre rappresentano le montagne e simboleggiano allo stesso tempo l’essere uomo, la sua figura, la sua forza e potenza.

La sabbia o ghiaia. Questi elementi, all’interno del nostro giardino giapponese, rappresentano il mare e simbolicamente tutto quello che circondiamo le rocce e pietre quindi, la nostra vita, a cui siamo esposti, alle situazioni positive o negative che ci intrappolano.

L’ Acqua è l’elemento vitale per l’uomo e gli altri esseri viventi. Possiamo ricrearlo sotto forma di stagno, corso d’acqua, fontana o cascata. Simbolicamente significa pulizia e purificazione. Aggiungere un ponte o creare un percorso significare aggiungere lo scorrere del tempo al nostro giardino orientale.

Le Piante sono indispensabili per la natura, rappresentano tutti gli essere viventi. Ogni tipo di piantagione ha il suo significato zen e il loro scopo non è solo quello di creare un ambiente armonioso ma anche dargli un significato.

Ci sono alcuni elementi ornamentali che danno un tocco in più al giardino Zen come l’immagine del Buddha o altri elementi come candele, lanterne. Potete anche usare dell’incenso per aromatizzare il giardino zen, per creare un’atmosfera di pace e serenità.

Cosa serve per creare un giardino zen per interni

  • Una base, un contenitore, meglio se naturale come il legno.
  • Sabbia, terra o ghiaia
  • Rocce o piccole pietre
  • un ministrastrello zen
  • piante ornamentali come il bambù, l’orchidea, l’aloe, e piante grasse senza spine ideali per trasmettere pace o i Kusamono, i micro giardini giapponesi dalle forme semplicissime che creano un equilibro di pieni e di vuoti.
  • eventuali elementi decorativi

Giardino Zen fai da te

Realizzare un giardino giapponese fai da te dà sicuramente soddisfazioni, ma chi no ha la possibilità o il tempo può sempre acquistarne le basi online, anche su Amazon per intenderci o rivolgersi a un giardiniere.

Dopo aver posizionato la sabbia e le pietre nel contenitore aggiungiamo le piante e i fiori per creare il paesaggio. Successivamente usando il rastrello diamo forma alla sabbia, creando come delle onde, ricreando quindi il mare che rappresenta. Se abbiamo la possibilità di aggiungere un contenitore con acqua possiamo creare un ponte o un percorso.

Il sottoscala è il luogo perfetto per creare un giardino zen molto suggestivo. Dedicare un momento della giornata, o i nostri dieci minuti no, a creare forme nuove nel giardino zen schiarisce la mente e libera dallo stress e dal nervoso.

Tags : #trendytipscasacome arredare casafine livinggiardino zengiardino zen in casalifestyle
AtrendyExperience

The author AtrendyExperience

A Trendy Experience è il blogmag realizzato da Angelica e Sheila, blogger, webeditor, freelance appassionate di lettura e fotografia. La nostra Mission è quella di suggerire tanti consigli e novità di tendenza!

8 commenti

  1. “L’anima ha bisogno di un luogo sereno e calmo per rinvigorirsi e rigenerarsi”… Non potrei essere più d’accordo! Articolo originale e interessante, grazie. Mi sono segnata qualche spunto per costruire il mio giardino zen (avendo poco spazio, sfrutterò l’idea del vassoio!)

  2. Sono molto belli, io ne ho uno piccolo, ma è stato comprato già fatto, se devo essere sincera non è che mi rilassi più di tanto.

Leave a Response

*

Ho letto e acconsento alla Privacy Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: