close

Come vestire per conoscere i suoi genitori

Appuntamento con i suoi? Ecco cosa fare per essere al top

In un rapporto di coppia prima o poi arriva il momento delle presentazioni ai genitori del tuo lui. C’è chi preferisce aspettare e prendere tempo, chi invece brucia le tappe ma il problema su cosa indossare per apparire una brava ragazza rimane.

La naturalezza e la semplicità devono essere alla base di ogni scelta che facciamo. Inutile fingere di essere chi non siamo. Per questo motivo se ti chiedi come vestire per conoscere i suoi genitori, ti consiglio di dimenticare di trasformarti radicalmente per stupirli perché sei già in errore.

Come vestire per conoscere i suoi

Prima regola: essere positiva sempre. Solo l’ottimismo e la positività aiutano nelle scelte importanti. Cerca di rimanere te stessa, di non trasformarti eccessivamente è sicuramente il primo step da fare. Certo è che che quella naturalezza va ad ogni modo abbinata alla situazione.

Il luogo dell’appuntamento

Il luogo dell’incontro e tipo di evento. Sicuramente il luogo e il tipo di evento sono fondamentali per capire se vestirti in modo formale o informale. Se sei stata invitata a un ristorante o in qualche locale di lusso, l’abbigliamento dovrà rispecchiarti ma allo stesso tempo essere elegante. Se il luogo dell’appuntamento è la casa dei suoceri serve un pizzico di furbizia.

Indagine obbligatoria

Se il tuo ragazzo non ti ha mai parlato dei suoi genitori a questo punto è arrivato il momento di indagare su usi e costumi dei suoi. Se l’appuntamento avverrà a casa dei suoi a maggior ragione. Le domande da fare al tuo ragazzo sono semplici, sapere che hobby hanno, se sono pensionati o se lavorano e che tipo di lavoro, se guardano la tv e che programmi, cosa fanno nel tempo libero, se hanno animali e come ultima domanda, come si vestono in casa. Mamma stile Bree di casalinghe disperate o stile Lorelai di una mamma per amica?

Difficilmente un figlio conosce bene le abitudini di bellezza della propria madre, ma sicuramente dalle domande interrogatorio riuscirai ad avere un quadro generale abbastanza chiaro da comprendere se i genitori sono alla mano oppure sono esigenti. In ogni caso, il padre è il pericolo minore; è la madre, la famigerata futura suocera, il nemico numero uno di ogni “ragazza” ed è lei a cui devi “piacere”.

Cosa evitare di indossare

Visto che l’apparenza purtroppo conta sempre, è bene evitare di indossare abiti provocanti, scollature eccessive, gonne troppo corte, abiti troppo stretch, stile animalier, piume di struzzo, tacchi a spillo e tutto quello che può farvi assomigliare a pretty woman. Allo stesso tempo è meglio evitare pantaloni della tuta, jeans stracciati, maglioni oversize o eccessivamente maschili altrimenti sembrerete sciatta. tu sei la ragazza del figlio di quelle persone che hanno scelto di conoscervi. Cerca di essere femminile ma evita gli eccessi.

Come vestire per conoscere i suoi genitori

Detto questo è ora di scegliere il look perfetto per incontrare i suoi. un pantalone dal taglio classico o a palazzo, una gonna al ginocchio, un tacco medio, camicia e blusa accompagnata da cardigan o maglioncino semplice, una giacca tipo trench o un cappottino se sei nei mesi più freschi sono un’ottima combinazione per apparire come ogni genitore vorrebbe: carina e semplice. In estate col caldo puoi indossare un abito, meglio lungo, lo stile boho chic è perfetto sia per un appuntamento diurno che serale e si abbina perfettamente a sandali.

Per la scelta di abiti e scarpe entrambi devono farti sentire a tuo agio e non devono essere troppo nuovi. Rischieresti di indossare capi e calzature non confortevoli e che ti rovineranno l’evento.

outfit per conoscere i suoi

Make up

Come truccarsi e come vestire per conoscere i suoi sono i due elementi che viaggiano sullo stesso piano in questa occasione speciale. Il primo incontro con i genitori di lui si spera sempre che fili liscio e il punto di partenza è proprio come ci si presenta vestiti e come ci si pone a loro.

Non preoccuparti per la timidezza, anche loro sicuramente saranno tesi e avranno pensato, proprio come voi a come vestirsi per far il figurone. Il make up chiaramente, deve essere il più neutro possibile, un nude look per intenderci, evita un trucco pesante, rossetti infuocati e occhi da vamp, non stai andando in discoteca ma stai per conoscere i genitori del tuo ragazzo e in particolare la mamma “del suo amato bambino”, che vi etichetterà immediatamente.

Pettinatura

Scegli come vestire per conoscere i suoi almeno un giorno prima del fatidico incontro. Sempre il giorno prima lava i capelli e se son tanto in disordine puoi sempre ricorrere alla parrucchiera per una aggiustatina. Andare dalla parrucchiera significa lavare e spuntare i capelli non fare una acconciatura da sposa. Evita anche un cambio di taglio o di colore di capelli improvviso perché il tuo ragazzo potrebbe storcere il naso.

Gioielli e bijoux

A meno che tu non ne indossi tanti abitualmente, evita di riempirti di gioielli. I bijoux possono piacere o meno, è una cosa molto soggettiva. Per questo è meglio indossare una parure semplice con orecchini e collana magari abbinati tra loro, un bracciale significativo per voi. Per quanto riguarda l’orologio via libera al tuo preferito, è un accessorio che caratterizza le persone e insomma, dà personalità.

Piccolo consiglio

L’abito non fa il monaco ma sicuramente incide parecchio sulla prima impressione. Il resto te lo giochi tu, tra cultura, educazione, savoir faire e simpatia. Certo è che anche dall’altra parte ci sarà la stessa tensione che avrai tu, per cui non spaventarti se per qualche istante c’è imbarazzo.

Bisogna semplicemente avere il coraggio di rompere il ghiaccio e magari puoi farlo proprio tu!

Tags : #fashiontips#trendytipsabbigliamentoconsiglilifestylemoda
AtrendyExperience

The author AtrendyExperience

A Trendy Experience è il blogmag realizzato da Angelica e Sheila, blogger, webeditor, freelance appassionate di lettura e fotografia. La nostra Mission è quella di suggerire tanti consigli e novità di tendenza!

26 commenti

  1. Conoscere i genitori del proprio compagno è sempre uno scoglio enorme!
    Negli anni, ho visto che è sempre meglio essere il più informale possibile, tranne se l’occasione richiede qualcosa di elaborato! Anche perchè, se tutto dovesse andare bene, poi siamo “costrette” ad esser sempre un pò troppo eleganti rispetto alle nostre abitudini

  2. Conoscere i genitori del proprio compagno o compagna è sicuramente un momento da batticuore!
    Vero: bisogna bene capire prima che tipi sono, se più o meno “rigidi”. Per il resto, la cosa migliore alla fine è essere sobri ma senza uscire troppo da se stessi.

  3. Ottimi consigli di cui nessuno parla e invece sono importanti. Al primo incontro quando si è giovani non si sa mai come vestirsi e comportarsi.

  4. Sarà anche un commento da maschietto ma…proviamo (ragazzi e ragazze) ad essere noi stessi? Certo bisogna essere presentabili ma dopotutto non andiamo ad una cerimonia e credo sia importante fare buona impressione con più naturalezza possibile. Facile dire “l’abito non fa il monaco” ma credo che si possa andare anche oltre la visione esteriore.

  5. Concordo con te sul fatto che purtroppo l’apparenza ha il suo peso, ma per esperienza personale la scelta migliore è sempre quella più semplice: poco formale, 100% spontanea e naturale 😉

  6. Io sinceramente non mi ricordo come mi sono vestita quando ho conosciuto i genitori di mio marito….. i tuoi consigli saranno sicuramente utili a tante ragazze 😀

  7. Come hai detto tu, il luogo dell’incontro é da tenere in considerazione.
    Ma se avviene in casa, bisogna essere spontanei, vestirsi come sempre, non essere diversa. Non servirebbe presentarsi per quella che non si é.

  8. Carino il tuo articolo, purtroppo ho già conosciuto i SUOI.. Comunque la semplicità vince sempre, certo inutile snaturare se stessi, poi ritengo che la persona raffinata lo sia anche se scollata e quella volgare anche se si mette il dolcevita, ma questo è un antro discorso…..

  9. per fortuna non mi trovo nella condizione di conoscere i suoi…prova già superata ai suoi tempi. Però l’idea di dare consigli in merito è molto carina. Io aggiungerei che oltre l’aspetto estetico, che sicuramente un biglietto da visita importante, bisognerebbe vestirsi di onestà ed essere se stessi, quando si entra in contatto con gli altri….

  10. Al primo appuntamento in famiglia un look sobrio e’ sempre la scelta migliore. Peccato pero’ che poi in quell’esatto momento tutto diventa difficile e la parola sobrio forse cambia I connotati! Avere questo piccolo reminder potra’ sicuramente essere di aiuto. Grazie!

  11. Ciao 🙂 la sobrietà è l’unica cosa possibile quando si arriva ad un momento così importante come l’incontro con i “suoceri’. D’altro canto essere se stessi è la migliore cosa. Cmq il tailleur è una soluzione perfetta per queste occasioni.
    Maria Domenica

  12. Quando ho conosciuto i miei suoceri avevo 18 anni ora ne sono passati 10 (non ci posso credere XD) e se ci penso a come mi sono presentata ancora rido, oltre alle 2 ore di viaggio che mi hanno sconvolta a causa delle curve. Avevo i capelli fucsia e biondo platino, piercing un po’ dappertutto, mi misi un vestito viola e il cappotto rosa, e stivali alla coscia. Insomma alta 1,80 e vestita in quel modo facevo un po’ ridere. Però posso dire che non gli è importato, sono stati tutti molto affettuosi sin dall’inizio e mi sono sentita subito a casa.

    1. Suoceri intelligenti che vanno al di là dell’aspetto fisico sono rari qui nel nostro paese quindi complimenti per la fortuna che hai avuto!

  13. Conosco da anni i genitori della mia dolce metà, ma ho ancora l’ansia leggendo queste cose! Hai ragione, bisogna giocarsela con il sorriso! Io ancora oggi, evito di espormi troppo, sapendo che avendo modi di fare e di pensare differenti, potrei essere in totale disaccordo con loro: sorrido e rispondo con diplomazia!

  14. io sono dell’idea che non bisogna indossare nulla che non sia in linea con la nostra personalità, essere troppo formali quando si è sportive e si veste prevalentemente casual dà un’immagine di noi falsata da quello che siamo realmente e potrebbe risultare troppo evidente che non siamo a nostro agio “tirate” in quel modo. e se una veste abitualmente animalier, con tacchi 15 cm, scollata e con minigonne inguinali, non è certo con un tailleur di Chanel che può darla a bere ad una madre 😉

  15. Hai dato sicuramente degli ottimi suggerimenti. Io in generali evito sempre di indossare abiti provocanti, scollature eccessive, gonne troppo corte, non fanno parte del mio essere. Poi cerco sempre di essere il più semplice possibile e soprattutto naturale, di avere un mio stile, di non snaturarmi né sembrare forzata.

  16. Bel post, scritto davvero bene. concordo assolutamente con te.
    Less is more (sempre) .. figuriamoci quando incontriamo i di lui genitori. Nella fattispecie la madre =D
    Io ho sempre temuto di più quella, alla fine i poveri padri sono sempre accomodanti eh eh eh

  17. Non ricordo come ero vestita la prima volta che sono stata a pranzo/cena o che ho conosciuto i genitori del mio compagno, men che mai dei miei ex… mi sa che non ci ho fatto tanti studi di semiotica. Addirittura andare dal parrucchiere… a mio avviso un po’ eccessivo, non lo faccio neanche al primo appuntamento 🙂
    Ma devo essere sincera, i miei capelli sono sempre la prima cosa che tutti notano e che tutti ricordano quindi sono una certezza in ogni situazione. Io credo che se i genitori conoscono un minimo sindacale il figlio (o la figlia), hanno più o meno idea del “tipo/a” che si porterà a casa. Non credo che i genitori del mio compagno, conoscendolo, si sarebbero mai aspettati una donna con lunguette e abito da cocktail e scarpe “garbate”. Mi sarò presentata con qualche gonnellona colorata e orecchini ipertrofici e loro… si aspettavano esattamente questo.

  18. Nel lontano 2004 ho conosciuto i genitori donna che poi sarebbe diventata mia moglie. Mi sono presentato con capelli lunghi, barba incolta, jeans e maglietta. Alla fine ha funzionato comunque!!

  19. ahahahaha! Molto carino questo post. Peccato che arriva fuori tempo massimo per me. Anzi, a dire la verità io tra qualche mese potrei proprio essere dall’altra parte, Ossia la genitrice del pargolo che presenta la sua nuova ragazza. Aiutoooooo!
    Ps. ti leggo sempre volentieri

Leave a Response

*

Ho letto e acconsento alla Privacy Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: