Autunno in arrivo è tempo di pulire i termosifoni!

Devi accendere il riscaldamento? Hai fatto la manutenzione alla caldaia ma hai pulito i caloriferi di casa? Ecco tutti i consigli su quando e come pulire i termosifoni per avere una casa pulita e calda quando arriva il freddo!

Fare il controllo annuale alla caldaia è obbligatorio ma spesso quello che sfugge è pulire i termosifoni. Il calorifero è il corpo radiante dell’impianto di riscaldamento e ha il compito di sprigionare il calore nelle abitazioni, uffici e industrie durante i mesi freddi. E’ composto da una serie di tubi che e può avere una forma tubolare oppure essere ingabbiato in una struttura rettangolare contenitiva.

I materiali con cui sono realizzati questi radiatori di calore sono ghisa, metallo o alluminio e la pulizia del termosifone è davvero importante non solo per mantenere elevate le sue prestazioni ma anche per mantenere l’aria pulita.

Quando si parla di pulizia dei termosifoni è necessario distinguere la pulizia esterna da quella interna.

La pulizia esterna dei caloriferi

Il calorifero è la parte esterna del riscaldamento di casa. La sua struttura è esposta alla polvere, alla sporcizia e a tutto quello che può succedere nell’ambiente in cui si trova. Per questo motivo è consigliato pulire i termosifoni esternamente almeno due volte all’anno.

Il periodo migliore per il lavaggio dei caloriferi è sicuramente alla fine del mese di aprile ed entro la metà di ottobre. In questi periodi le temperature dell’ambiente sono miti e ci permettono di pulire e far asciugare in modo naturale i caloriferi. Scegliere periodi più freddi o umidi può portare all’arrugginimento della struttura del radiatore.

READ: Come rivestire il pavimento senza ristrutturare casa

Il primo passo per la pulizia esterna del termosifone è sicuramente eliminare la polvere settimanalmente in tutte le parti visibili per evitare degli accumuli con un panno antipolvere. Due volte all’anno si procede con la pulizia più accurata, con una aspirapolvere molto potente o con i panni antipolvere per rimuovere tutta la polvere e sporcizia che si sono accumulati nelle fenditure più difficili da raggiungere.

Dopo aver rimosso con l’aspirapolvere o il panno polveri ed eventuali ragnatele potete lavare la struttura usando un detergente delicato o neutro e dell’acqua. Prima di procedere con la pulizia con acqua è meglio posizionare sotto il calorifero dei panni per trattenere le gocce in eccesso. Per pulire le fessure più difficili è possibile usare anche uno scovolino sottile. L’importante è raggiungere tutte le zone anche remote in modo da eliminare tutto lo sporco accumulato. Se questa operazione viene fatta due volte all’anno i residui di sporco saranno davvero pochissimi.

Se avete a disposizione la vaporella potete lavare il termosifone con il vapore in questo modo la pulizia profonda è garantita.

READ: Come realizzare un tavolo shabby fai da te

Asciugare il calorifero

Il problema grosso della pulizia del termosifone è l’asciugatura. Per questo motivo è importante fare il lavaggio solo quando le temperature in casa sono superiori ai 18 gradi perché il termosifone deve asciugarsi benissimo.

Copricalorifero

Se avete pulito il termosifone nel periodo primaverile per evitare un accumulo di polvere potete coprire il calorifero con degli addobbi anche in stile shabby che lo trasformano in un complemento d’arredo bello da vedere.

come pulire il calorifero internamente ed esternamente

La pulizia interna del calorifero

In autunno, quando dovete accendere la prima volta il termosifone è importante procedere con una pulizia interna del calorifero per eliminare le bolle d’aria e i residui di metalli che si possono essere accumulati nelle sue condutture. Le bolle d’aria in particolare non solo impediscono al radiatore di scaldarsi alla perfezione ma fanno anche rumore.

valvola radiatore
valvola radiatore

Attenzione alla valvola!

Per procedere alla pulizia interna del termosifone posizionate dei fogli di giornale o stracci vecchi e un catino sotto lo sfiato del termosifone. Se sulla manopola sono riportati dei numeri prima di aprirla memorizzate quello su cui era posizionata. A questo punto con la chiave apposita svitate la valvola.

L’acqua che uscirà dal termosifone sarà molto sporca e piena di ruggine e altri metalli. Una volta terminata di fuori uscire avvitate nuovamente la valvola e posizionatela sul numero che aveva e gettate l’acqua sporca nel wc.

READ: come decorare una parete con la pittura murale

Come pulire il calorifero giallo

Col passare degli anni i termosifoni cominciano a perdere il loro bel colore bianco e cominciano a ingiallirsi. Questo alone è dovuto alla loro vecchiaia, al calore stesso che emana il radiatore, la luce del sole che illumina l’ambiente e nel caso della cucina i suoi fumi. Anche il fumo di sigaretta ingiallisce insieme allo sporco e al grasso che si accumula col tempo.

Un problema molto comune che si riscontra quando terminata la stagione invernale si decide di pulire i termosifoni, è l’odioso alone giallo che si crea sulla superficie.

READ: come realizzare un lampadario fai da te

Avere un termosifone giallo non è molto piacevole perché da complemento di arredo il calorifero si trasforma in qualcosa da nascondere. Per chi ha pazienza e voglia di mettersi in gioco con il fai da te per trasformare il vecchio calorifero ingiallito in un termosifone bianco basta scrostarlo con la carta vetrata, rimuovendo la vernice vecchia, gialla o arrugginita e ridipingerlo con una vernice resistente al calore.

Anche in questo caso suggeriamo di fare questa operazione in primavera o in settembre ottobre per permettere all’ambiente di arieggiare abbondantemente dopo aver passato la vernice nuova!

Tags : casacasa 2.0consigli per casacose di casapulizie di casariscaldamento
AtrendyExperience

The author AtrendyExperience

A Trendy Experience è il blogmag realizzato da Angelica e Sheila, blogger, webeditor, freelance appassionate di lettura e fotografia. La nostra Mission è quella di suggerire tanti consigli e novità di tendenza!

5 commenti

  1. sebbene possa sembrare qualcosa di scontato non è per nulla cosi.
    la gestione dei termosifoni deve essere sempre fatta secondo specifici criteri

Lascia un commento / Leave a Response