Scarificazione, tatuaggio in rilievo dove e come si fa, igiene e manutenzione

Una delle arti più estreme della body modification è sicuramente la scarificazione, nota anche come tatuaggio in rilievo, che oggi sta diventando l’ultima frontiera di chi vuole andare oltre al classico tattoo. Ma cos’è la scarificazione? E’ dolorosa? Come si curano le cicatrici decorative e quali sono i rischi? Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa tecnica millenaria estrema di bodyart!

scarificazione, cicatrice decorativa come e dove farla
cicatrice ornamentale scarificazione

Di tutti i tipi di bodyart la scarificazione, cicatrici decorativo o tatuaggi in rilievo e gli impianti in silicone, sono le due modificazioni corporee più invasive e dolorose che si possono fare. La scarificazione ha origini millenarie, nelle culture primitive e indigene ha un significato profondo e spirituale mentre nella cultura occidentale oggi è apprezzata come forma ornamentale ed estetica.

Cos’è la scarificazione, il tatuaggio in rilievo

L’arte della scarificazione, il tatuaggio in rilievo è la creazione di cicatrici decorative ornamentali che si ottengono con la modificazione permanente della cute. Sono solchi profondi fino a 2 mm che rappresentano disegni più o meno complessi, design geometrici, floreali, mandala ottenuti dalla rimozione di alcuni strati di pelle. Per ottenere l’effetto finale passano molte settimane perché il processo di guarigione, per una scarificazione, deve essere molto lento.

scarificazione cicatrice ornamentale igiene e rischi

Come si pratica la scarificazione

Per prima cosa è importante recarvi presso uno studio professionale di tatuaggi in cui è presente un artista di scarificazione. Essendo una tecnica molto delicata e particolare in Italia sono pochi i centri attrezzati. Nella mia regione c’è BodyFactory, a Trieste con il personale esperto in quest’arte.

Il tatuaggio in rilievo viene realizzato in un ambiente sterile, con tutte le attrezzature sterili. Macchina per cauterizzare, bisturi, eventuale azoto liquido sono solo alcune delle attrezzature usate per questo tipo di bodyart.

I vari tipi di scarificazione

La scarification può essere effettuata in vari modi ma il metodo più tradizionale di cutting, incisione, viene effettuato con le macchine chirurgiche per cauterizzare la pelle.

Al cutting si affianca lo Skinning la tecnica che permette di rimuovere lembi ampi di pelle, l’Ice Kiss il marchio di ghiaccio, a freddo che si ottiene usando l’azoto liquido, il Branding, la marchiatura a fuoco e l’abrasione che avviene mediante sfregamento.

Igiene e rischi

La scarificazione è un tatuaggio estremo che si ottiene creando delle cicatrici ipertrofiche controllate. A differenza del classico tatuaggio, oltre al dolore molto forte che si prova durante la seduta e che in alcuni casi porta allo shock, il secondo rischio molto alto è l’infezione. Un altro problema che può insorgere è la formazione di cheloidi, cicatrici abnormi che possono rovinare tutto il lavoro fatto. Per questo motivo, chi vuole sottoporsi a questa tecnica di body modification e ha già avuto dei cheloidi su ferite o cicatrici passate rischia di svilupparne sulla scarificazione.

Per far cicatrizzare in modo corretto la pelle incisa con il cauterizzatore è importante tenerla sempre pulita, idratata e umida. In poche parole più le ferite provocate dall’artista rimangono aperte più bello e in rilievo apparirà il disegno.

Per quanto riguarda la manutenzione delle cicatrici decorative è importante lavarsi bene le mani prima di procedere alla loro igiene quotidiana e attenersi alle indicazione dell’artista che le ha realizzate sull’uso dei materiali e prodotti per mantenere aperte le ferite il più a lungo possibile. Ripetiamo che questa tecnica è ad alto rischio e, oltre al dolore acuto e duraturo, l’igiene è fondamentale visto che la carne viva deve cicatrizzarsi in modo molto lento.

Tags : tattoo
AtrendyExperience

The author AtrendyExperience

A Trendy Experience è il blogmag realizzato da Angelica e Sheila, blogger, webeditor, freelance appassionate di lettura e fotografia. La nostra Mission è quella di suggerire tanti consigli e novità di tendenza!

6 commenti

  1. Questi tatuaggi certo sono belli da vedere, ma causano troppo dolore e pericolo di infezione, quindi, sicuramente, da evitare! Bell’ articolo tutto chiarissimo e ben spiegato!

  2. Bellissimi ma non fanno per me, al dire il vero mi fanno anche un pò impressione. Per gli amanti di questo genere di tatuaggi è importante affidarsi a persone qualificate per non incorrere a spiacevoli situazioni.
    Articolo interessante

  3. Oddio, non conoscevo questo tipo di tatuaggio… sinceramente non so se ne avrei il coraggio, lo trovo un pò troppo “invasivo”

  4. non conoscevo questo tipo di tatuaggio in rilievo, sinceramente mi fa impressione……. interessante il tuo articolo, mi unisco alle altre ragazze

Lascia un commento / Leave a Response