Piercing naso, come farlo, tipologie, rischi e infezione

nostril piercing naso narice

Il brillante sulla narice, Nostril e il Septum sono i due piercing naso più popolari e amati da tutti a tutte le età, perché sta bene a molti e dona carattere e personalità. Ad ogni modo sono molte le domande che ci si pone prima di fare questo piercing, prima di tutto come viene fatto, se fa male, e come ci si comporta in caso di infezione. Ecco dunque tutte le informazioni sul piercing naso, come farlo, le tipologie di piercing al naso, i rischi e come comportarsi in caso di infezione.

piercing naso nostril
nostril piercing naso narice

Tipologie di piercing naso

I piercing naso sono tre. Il narice, il septum e il bridge.

  • Il Nostril è il piercing naso più classico, quello che si fa sulla narice dove è possibile indossare un brillantino o l’anellino.
  • Il Septum è il piercing al naso che sta spopolando tra i giovani e che prevede la perforazione della cartilagine tra le due narici.
  • Il Bridge invece, è più particolare e si ottiene perforando la fossetta che si trova tra i due occhi, nella parte superiore del naso.

Tutti questi piercing sono molto delicati da gestire perché a contatto con la parte interna della narice e di conseguenza esposti a numerosi batteri e germi. Per questo motivo è importante gestirli in modo igienico per evitare infezioni e altri problemi.

Dove e come si fanno i piercing naso

Per prima cosa ci tengo a dire che è meglio fare i piercing nello studio del piercer. Questa figura professionale ha tutti i corsi e le conoscenze per effettuare l’operazione in pochi minuti e in totale sicurezza, usando gioielli e attrezzatura sterilizzata e monouso e in caso di problemi sa come intervenire tempestivamente e consigliare nel modo giusto.

Studio del piercer dove trovarlo

Solitamente gli studi di tatuatori più conosciuti hanno il piercer di fiducia che due o tre volte al mese si reca presso di loro per fare i piercing a chi ha prenotato il posto. Per questo motivo prima di fare il piercing vi consiglio di informarvi da chi ne ha già fatti per sapere dunque dove recarvi. Nel mio caso c’è un grosso studio di tatuatori e piercer a 20 km da casa mia dove il personale è presente ogni giorno per qualsiasi esigenza.

Attrezzatura del piercer

Tutta l’attrezzatura per fare i piercing deve essere sterilizzata e sigillata in apposite confezioni monouso. Il piercer solitamente apre tutti i presidi davanti ai vostri occhi e ripone tutto su un banchetto con tanto di tovaglietta usa e getta proprio per evitare contaminazioni.

Come si fora il naso dal piercer

  • Per prima cosa il piercer prende le misure del foro di entrata e di uscita che devono essere allineati tra loro. Trovati i due punti fa un segno con il pennarello.
  • Successivamente vi fa vedere allo specchio dove verrà posizionato il piercing. In questa fase siete liberi di dire la vostra e di cambiare posizione se credete che quella sia troppo alta, bassa, centrale. Ad ogni modo il piercer sa il fatto suo, ha esperienza e solitamente sceglie il punto anche in base alla forma del vostro naso e viso perché il gioiello deve essere un ornamento piacevole da vedere.
  • Se tutto va bene viene disinfettata la pare, soprattutto la parte interna della narice, dove si annidano batteri, germi, polveri e schifezze varie.
  • A Questo punto il piercer vi fa sdraiare e vi fa mettere a vostro agio perché l’operazione di foratura dura pochi istanti ma voi dovete stare fermissimi e rilassati.
  • A questo punto prende l’ago cannula e quando sarete rilassati e tranquilli fora la parte con l’ago. Nella carne rimane la cannuccia in plastica dell’ago cannula.
  • Successivamente fa passare il gioiello nella plastica che viene abilmente sfilata dal vostro naso.
  • Per finire stringe le palline che chiudono il piercing e disinfetta un’ultima volta.

Norcil con sparaorecchini

In tanti, per evitare di soffrire dal piercer preferiscono rivolgersi alle gioiellerie che fanno piercing al naso con la pistola sparaorecchini.

Ci tengo a dire che fare il piercing naso in questo modo comporta notevoli rischi soprattutto se non viene usata la pistola monouso ma quella più antiquata che tra l’altro è diventata fuorilegge a causa della possibilità di trasmissione di malattie infettive come l’epatite C e altre. Purtroppo con l’uso della pistola sparaorecchini il forte colpo non solo si rovinano i tessuti intorno al foro appena fatto con il rischio di formazione di cheloidi ma c’è anche una fuoriuscita di liquidi che una semplice pulizia con disinfettante non vengono rimossi dalla pistola stessa. Pertanto se qualcuno che ha messo orecchini prima di voi aveva malattie trasmissibili come l’epatite C il rischio di contagio è elevato.

Se decidete di fare il piercing naso con la pistola sparaorecchini cercate chi ha quella monouso. Costa di più ma ne vale della vostra sicurezza. In questo caso la zona viene disinfettata e l’orecchino viene sparato nella narice senza la farfallina.

piercing naso, tipologie, dove farli rischi e infezione

Il piercing al naso fa male?

Il dolore è l’unico elemento che a volte ci frena dal fare delle scelte come quella dei piercing. Sicuramente il piercing fatto dal piercer ha un fastidio più elevato durante l’operazione stessa che nelle ore successive passa quasi completamente. Nel caso di pistola sparaorecchini il dolore invece compare nelle ore successive insieme a un gonfiore più evidente rispetto a quello di un buco al naso fatto dal piercer.

Problemi al piercing naso

Il rischio più grande che si ha con il piercing al naso è la paralisi del nervo facciale dovuta a un’infezione ma i problemi più comuni del piercing al naso sono come comportarsi in caso di raffreddore, come fare se il gioiello esce dalla sua sede, come fare in caso di arrossamenti e infezione.

Per questo motivo è bene fare il piercing naso solo se state bene di salute, non avete appena avuto una influenza o raffreddore. Dovete essere perfettamente sani, non indeboliti dai malanni stagionali. In secondo luogo è importante che siano rispettate tutte le norme igieniche quando viene effettuato il piercing e che a vostra volta lo manteniate pulito e igienizzato.

Se il gioiello fuoriesce dalla sua sede c’è il rischio di non riuscire più a infilarlo nuovamente soprattutto se è stato fatto di recente. Solitamente servono almeno 20 giorni prima di sostituire il gioiello se avete usato la pistola sparaorecchini e in questo periodo il rischio di perderlo durante la notte è elevato per questo consigliamo di fissarlo alla narice con un pezzetto di cerotto di carta prima di coricarvi. Allo stesso modo è bene evitare di appoggiare il naso, strofinarlo su qualcosa o qualcuno e in caso di raffreddore usare con cautela fazzoletti di carta morbidi e soprattutto usa e getta.

Il foro al naso si gonfia e arrosso molto soprattutto in caso di pistola sparaorecchini è importante mantenere la calma e controllare spesso lo stato del piercing. Se cominciano ad esserci fuoriuscite di liquidi gialli o verdi o il foro molto arrossato comincia a ingiallirsi nella zona dell’orecchino vuol dire che c’è un’infezione in atto ed è importante intervenire tempestivamente. La famosa paralisi del nervo facciale è sempre dovuta a una infezione e ci si accorge di questa per una smorfia che compare sul labbro e l’occhio leggermente più chiuso e la parte del viso tirata. Per questo è davvero importante tenere sempre d’occhio il piercing per evitare spiacevoli sorprese. Questa regola comunque vale per tutte le forme di body art non solo per i piercing naso.

In caso di infezione

Se il piercing è arrossato si può provare a usare una crema antibiotica tipo gentalyn. Con un cotton fioc si applica intorno al foro e si fa penetrare lentamente. Questa pomata può essere applicata più volte al giorno ma se l’avete in casa prima di usarla guardate la data di scadenza perché sulla confezione è scritto che scade dopo tre mesi dall’apertura!

Se al posto di migliorare, il rossore e gonfiore aumentano c’è il rischio che il gioiello, soprattutto in caso di brillantino, venga inglobato per questo è importante spingerlo leggermente verso la parte esterna del naso per evitare che la pelle lo risucchi. In questo caso per l’estrazione è necessario ricorrere al piercer che sa dove e come mettere le mani senza farvi soffrire eccessivamente o il medico di base o pronto soccorso. Io ho provato quest’ultima opzione e se volete leggere la mia esperienza con infezione da piercing trago capirete perché sono tanto esperta! Non stupitevi se al momento del triage l’infezione da piercing è una delle voci già memorizzate nel sistema. Questo problema infatti è molto frequente e colpisce anche piercing già guariti che per qualche motivo o disattenzione si infettano e infiammano.

In caso di infezione importante oltre alla crema antibiotica è necessario un antibiotico orale che viene prescritto dal medico. Se dovesse succedere è da valutare la rimozione definitiva del gioiello.

Se dovete cambiare il gioiello da soli mi raccomando di disinfettarlo in modo corretto, se non sapete come fare leggete la mia guida su come si disinfetta o sterilizza il gioiello.

Se volete fare il piercing naso pensate bene a come gestirlo in modo consapevole, pulendolo quotidianamente e osservandolo con attenzione mattino e sera per evitare di avere problemi secondari o per lo meno di accorgervene in tempo!

Tags : bodyartconsigli di bellezzapiercing gioiellipiercing nasopiercing viso
AtrendyExperience

The author AtrendyExperience

A Trendy Experience è il blogmag realizzato da Angelica e Sheila, blogger, webeditor, freelance appassionate di lettura e fotografia. La nostra Mission è quella di suggerire tanti consigli e novità di tendenza!

10 commenti

  1. io sono dell’idea che per ogni cosa ci sia la sua età……ho da poco superato i 40 e il piercing per me è passato ma ho delle carissime amiche che se lo possono ancora permettere. Cmq a parte l’età avrei un pochino paura a farlo…..

  2. Mi piace molto il tuo piercing e tu stai benissimo . Anch’io sono daccordo con Anna , credo che questo trend sia ideale per le persone giovani , io ho una certa età e magari preferisco quelli adesivi . Un saluto, Daniela.

  3. Sicuramente tra tutti preferisco il brillantino perché è molto fine ed elegante adatto ad ogni età. Sono curiosissima di leggere anche i tuoi articoli precedenti in merito a infezioni ecc.

  4. Non sono un amante dei piercing, anzi mi fanno senso a dire il vero. Ad ogni modo trovo il tuo articolo molto utile per chi ama questo genere di cose

Lascia un commento / Leave a Response